Spesso accade che gli altri ti dicono: fermati, rilassati e quasi nessuno aggiunge “medita”.

Nella società di oggi siamo sempre in movimento, e procediamo nel nostro quotidiano fare, distratti e indaffarati, quando basterebbe fermarsi un attimo, liberare la mente, per poi vedere in modo più chiaro tutto ciò che ci circonda. Molti pensano che il fermarsi sia una perdita di tempo, invece no.

Steve Jobs giovane illuminato

Lo diceva Steve Jobs (ideatore della Apple), che ha iniziato a meditare all’età di 19 anni, in un’intervista: “Se ti siedi e osservi, vedrai come la tua mente sia irrequieta. Se provi a calmarla, è solo peggio, ma con il tempo riuscirai a farlo, e quando si calma, c’è spazio per sentire cose molto più complesse. È qui che la tua intuizione inizia a fiorire e tu inizi a vedere le cose con maggior chiarezza ed essere maggiormente nel presente. La tua mente rallenta, e vedi un enorme distesa nel momento. Vedi molto più di quello che riuscivi a vedere prima. È una disciplina: va praticata”

Gruppo di meditazione cinese

Da queste parole possiamo capire che tutto è utile se praticato in un certo modo, con costanza e disciplina.

Alcuni meditano per un tempo, e poi si fermano, giudicando questa pratica noiosa e senza alcun beneficio. I più costanti invece, continuano a praticarla e dopo un po’ iniziano già a vedere i primi segni concreti di un miglioramento nella propria qualità di vita.

La meditazione è una pratica che fa parte di diversi percorsi sulla presenza di sé, di richiamo al qui e ora. In alcuni casi viene anche tenuta in azienda. Ad esempio negli ultimi 15 anni molti manager americani hanno istituito nelle proprie aziende sessioni di meditazione per i propri dipendenti, riscontrando come una mente più lucida e calma porta ad essere più produttivi e organizzati.

Medita al tramonto

È utile meditare? Qual è lo scopo?

Potremmo dire che lo scopo della meditazione non è solo uno, ma ne ha molteplici: ad esempio quello di ripulire la mente da tutte le impressioni esterne che ci arrivano e ci deviano da quello che stiamo facendo in un determinato momento della nostra giornata (vita); ci permette poi di entrare in contatto con noi nel profondo; di avere una chiara visione d’insieme; allontana da noi quelle convinzioni che ci limitano; ci aiuta ad ascoltarci.
Essendo in contatto con te, potrai avere consapevolezza su dove sei, cosa fai, con chi stai.

Al sorger del sole fermati

Posso meditare anch’io?

Tutti possono meditare, in alcune culture si inizia già a 3 anni. È importante sapere come farlo, seguendo un corso o un maestro che ti guida attraverso un percorso che ti porterà alla consapevolezza di te, in modo che tu possa essere autonomo.

Qual è il miglior modo di meditare?

Vi sono diversi tipi di meditazioni e di diverse scuole. Non si può dire che ve ne sia una migliore: tutto dipende da come una meditazione ti fa stare. Quando poi avrai acquisito la capacità di ascoltarti capirai.

Yogananda in meditazione con Rajarsi Janakananda

Ogni momento è giusto per meditare, ogni momento è giusto per iniziare.

“Se cercherai, meditando profondamente, di disperdere la nebbia dell’irrequietezza, ti accorgerai di essere giunto nel vasto regno dell’anima pervaso di eterna felicità interiore.”

Paramahansa Yogananda

2018-04-09T01:01:42+00:00