Tra calici e racconti di-vini!

“In vino veritas”
Ecco forse ho scoperto perché le cene a tema dell’associazione Le 6 direzioni hanno avuto tanto successo!

I partecipanti infatti, accompagnati da buon vino e ottime portate (antipasto, primo, secondo con contorno e caffè) degne di una cena di gala, hanno potuto ascoltare 5 temi fondamentali per chi vuole trasformare la propria vita in una vita straordinaria!

Infatti, i temi trattati accompagnano chi lo desidera in un viaggio che parte dalla comprensione della propria situazione attuale, toccando gli aspetti essenziali che compongono la nostra vita e la fase in cui essa si trova, fino ad arrivare alla realizzazione dei nostri obiettivi più intimi, raccogliendo la ricchezza della nostra storia passata e rivelando qualche “trucco” 😉
 
Ma vediamoli uno per uno!
 
Argomenti delle cene a tema:
1 – Cibo, aria e impressioni: i tre nutrimenti del sacro fare
2 – La legge del settenario e il significato delle età 
3 – Maschere, menzogne e credenze
4 – Le fiabe
5 – Sulle Spalle dei Giganti
1. I 3 nutrimenti del sacro fare
 
Dando per scontato che ognuno vuole migliorare la propria vita, abbiamo fatto un passo indietro e ci siamo interrogati su ciò di cui la Vita ha bisogno:
– Cibo, per la vita biologica.
– Aria/spazio, per poter trasformare il cibo in movimento, spostamento e quindi esplorare con il corpo e con la mente nuovo mondi per poter crescere.
– Impressioni, tutto ciò che incontri sul tuo cammino (incidenti, fortune, opportunità, ambienti, persone) e che influisce su di te a diversi livelli di profondità.
 
Con grande professionalità ma anche con tante risate e divertimento, abbiamo approfondito questi temi e sicuramente la domanda più importante è a cui ognuno ha provato a dare risposta per se stesso è:
“Se posso fare selezione con il cibo, distinguendo alimenti che mi fanno bene e che non mi fanno bene… Perché non posso farlo anche con gli altri nutrimenti?
Di che cosa scelgo di nutrirmi ogni giorno?”
2. La legge del settenario e il significato dell’età
 
“Può un albero da frutto, dare frutto tutto l’anno?”
No, le condizioni climatiche che si trovano in primavera, quando tutto nasce, non sono le stesse dell’estate, in cui tutto cresce.
Per non parlare dell’autunno e dell’inverno in cui bisogna imparare a raccogliere i frutti, conservarli e goderne!

È anche vero che ogni stagione ha i suoi frutti, non posso pretendere di raccogliere le angurie a dicembre!
Questo interessante esempio preso dalla natura, se compreso fino in fondo, e unito alla spiegazione della propria età non può che regalare pace e serenità a chi lo ascolta.
Il problema è che spesso vogliamo i frutti, gli obiettivi, che non sono proprie del nostro tempo.
 
Spesso questa attesa, generata dalla confusione rispetto alla “nostra stagione” è logorante e non fa altro che aumentare la confusione stessa!
Facciamo un esempio: un ragazzo che a 20 anni, appena terminate le scuole superiori e nel momento ideale per scegliere quale direzione prenderà la sua vita (confermato dalla sua età: 2=scelta, 0=perfezione), corrispondente al penultimo anno del terzo settenario (legato allo sviluppo del piano razionale) per cui il tempo che va dai 20 ai 21 (un anno intero) é il tempo ideale per lasciare il ragazzo pensare a ciò che vorrà fare nella sua vita, utilizzando tutto ciò che già ha imparato negli anni di studi senza ingabbiarlo già in un percorso che sceglierà per lui!
 
Grazie all’esperienza di Filippo Rossi (Sito web: https://filipporossi.it/) che ci ha spiegato il significato di ogni numero e ha fornito diversi esempi su come leggere la propria età, ognuno ha avuto una piccola informazione in più su cui lavorare per migliorare la propria vita.
 
Ti ricordi la domanda da cui siamo partiti?
Può un albero da frutto dare frutto tutto l’anno?”
E ti ricordi la risposta?
“No… Sì, se l’albero viene messo in una serra!”
 
Dunque, se non hai ancora raggiunto gli obiettivi che ti sei prefissato ma li hai ancora lì, con te… Non disperare: devi cercare di creare le condizioni adatte (la serra) per poterli raggiungere!
3. Maschere, menzogne, credenze
 
“Uno, nessuno, centomila”
Pirandello la sapeva molto lunga!

Ecco che, dopo che ci siamo domandati cosa può servire per migliorare la nostra vita e dopo che, con le giuste chiavi di lettura, abbiamo scoperto che la nostra età e tutto il mondo intorno a noi ci danno delle indicazioni ben precise, arriviamo al nodo di tutta la faccenda!

 
A tutti, con intensità più o meno forte, è successo di osservare se stesso o gli altri indossare una maschera…
Addirittura, in alcuni casi, é possibile osservare di avere più maschere o modi di fare, al lavoro piuttosto che al bar con gli amici o in famiglia magari in un’occasione in cui ci sono più parenti.
 
Ti è capitato?
 
Ebbene, non c’è nulla di cui preoccuparsi (nel senso psichiatrico della termine) se non fosse che queste maschere spesso hanno bisogni, desideri, comportamenti ed idee molto diversi, le une dalle altre!
In questo appuntamento quindi il tema centrale è stato quello della sincerità, non tanto verso il mondo esterno, ma verso noi stessi.
Grazie alla sincerità é possibile scoprire tutti quei piccoli tranelli che ci “auto-procuriamo” e che ci fanno cadere così spesso.
Ma “dirsi la verità” non è poi così semplice… Anzi, probabilmente, da soli è quasi impossibile.
 
Ecco perché nell’atmosfera di festa che abbiamo creato durante le cene, la parte più importante è dato dal fatto che un gruppo di persone vi accoglie e vi ascolta in relazione a quanto riesci tu puoi ascoltare loro.
È stata una serata piena di emozioni e, in alcuni momenti, qualcuno si è anche commosso, togliendosi pesi che da anni portava con sé.
 
Questo è già un primo successo è un ottimo punto di partenza per cambiare la propria vita in meglio e ovviamente è stato festeggiato alla grande con un brindisi in compagnia!
 
È difficile poter trasmettere l’emozione di quei momenti, ti auguriamo di essere con noi al prossimo evento per vivere quella magia 😊
4. le Fiabe
 
Ora che abbiamo imparato a riconoscere una verità (ovvero che ci manca il famoso “conosci te stesso”), la domanda è: dove andiamo a cercarne altre?
 
Vi sembrerà strano ma nei racconti di quando eravamo piccoli, nelle fiabe antiche (Pollicino, Cenerentola, Biancaneve, l’acciarino magico, etc…) possiamo trovare tutto ciò che serve sapere per crescere in grazia e virtù, proprio come si diceva facesse Biancaneve, che era pura come la neve!
 
Abbiamo quindi scoperto insieme i suggerimenti che i genitori dei genitori dei genitori dei nostri genitori hanno raccolto in secoli, se non millenni, di esperienze e sapere.
Li hanno nascosti nelle fiabe perché fin da piccoli noi potessimo ricevere tali istruzioni, in una forma digeribile per le nostre menti dei bambini.
Insieme a tanti piccoli trucchi nascosti nelle fiabe abbiamo scoperto questo importantissimo segreto!
Essere come dei bambini! Infatti nonostante non abbiamo più 7-8 anni, una delle cose migliori che possiamo fare è mantenerci curiosi e aperti come loro.
 
Infatti esiste una parte dentro di noi che è ancora così, solo che o non l’ascoltiamo più i non sappiamo come comunicare con lei!
Questo tema può essere approfondito nel nostro appuntamento Educare e Comunicare con i Bambini da 0 a 7 anni.
5. Sulle spalle dei giganti
 
L’ultima delle cene a tema non poteva che essere messa dopo essere tornati piccoli, quindi leggeri!
 
Infatti, anche se è un gigante ha le spalle forti e può portare molto peso, non gli faremmo un gran piacere se ci appollaiassimo sul suo groppone, carichi di tutti i pesi che dall’età adulta continuiamo a trascinare con noi, che ne dici?
 
Ma perché è così importante salire sulle spalle dei giganti?
Le risposte che abbiamo trovato insieme grazie Filippo Rossi sono molte ma qui vogliamo riportarne due in particolare…
 
La prima è ovviamente per fare meno fatica. Non è semplice andare verso l’alto ma un gigante, con la sua grande altezza, può facilitarci il cammino!
 
La seconda è perché, anche se noi non siamo alti come lui, se ci appostiamo sulle sue spalle, possiamo avere la sua stessa visuale!
Vedere quindi oltre quello che potremmo se mantenessimo il nostro punto di osservazione, in basso, legato alla terra e a tutti i bisogni che ci vengono imposti o che ci imponiamo da soli!
 
Purtroppo qui abbiamo potuto darti solo un piccolo assaggio di tutte le delizie che abbiamo incontrato in questi 5 meravigliosi, piacevoli e interessanti incontri!
 
Se ti sono piaciute le idee e gli spunti che hai incontrato, speriamo di vederci presto alle prossime cene o ad uno dei nostri prossimi incontri.